Irene in Africa

Carissime Sorelle in Cristo,

con grande emozione desidero condividere con voi un’esperienza molto bella che ho appena vissuto in Zimbabwe. Quando siamo arrivate a casa alle ore 4 del mattino del giorno 06 agosto 2016, le suore sono venute a prenderci alla fermata dell’autobus e ci hanno portato a casa con tanta gioia.

Noi eravamo stanche però felici. La Madre Provinciale e le suore ci hanno dato da mangiare,abbiamo raccontato quanto ci era accaduto durante il ungo viaggio da Roma e dopo la Superiora Provinciale ci ha mandato tutte a riposare però nel pomeriggio lei stessa ci ha accompagnato nelle comunità vicine dove vivono le postulanti e le novizie. Loro ci hanno accolte con canti e danze:erano felici di vederci e poterci avere lì,poi ci hanno offerto la merenda. Tutte eravamo contente.

Una volta terminato di far merenda,la Superiora ci ha portato a vedere l’orto coltivato dalle giovani vocazioni insieme a due uomini che aiutano a rimuovere la terra. Così è terminata questa giornata.

Il giorno dopo mi sono alzata presto,dalla finestra vidi delle suore già a lavoro ,stavano zappando la terra per seminare e dopo però tutte puntuali in cappella per le lodi insieme alle altre.

Io ho visto la loro povertà e il sacrificio per vivere; grazie a Dio non ci hanno fatto mancare niente. Le nostre suore ogni giorno lavorano con tanto amore e dedizione e soprattutto rinunciando veramente a loro stesse per il bene dei bisognosi e cercando sempre di superare ogni difficoltà con forza e speranza. Suor Lola,spagnola da tanti anni in missione, con le altre suore della comunità hanno i bambini orfani e malati però hanno una grande serenità e tranquillità.

Mi è piaciuto anche quando andavamo in Chiesa con la gente; sono stata colpita dai bambini ben educati e ben sistemati,con tanta gioia a amore cantavano,danzavano per il Signore ; mi si allargò il cuore nel vedere questa realtà!

Ringrazio la Superiora Provinciale di questo bel regalo che mi ha fatto:grazie di cuore.

E posso dire che è stata un’esperienza piena di sorprese,abbiamo lavorato tanto,ci alzavamo presto però è stato molto bello.

Mi ha colpito bello l’inizio della Riunione con il Vescovo Floro che ci ha fatto una bella cerimonia di benvenuto durante la quale le giovani postulanti cantavano danzando mentre le suore entravano in processione fino all’altare.

Anche mi è piaciuto quando siamo andate alla comunità di Binga ,un sabato e una Domenica. Le suore che abitano là lavorano in Chiesa e fanno un servizio dando buona testimonianza d’amore al prossimo.

Mi è piaciuto anche quando siamo andate a VICTORIA FALLS, un posto naturale molto bello,tutto verde con le Cascate. Abbiamo camminato molto però io vedevo il creato che mi sembrava il paradiso così tanto bello;si respirava un’aria profumata,bella,pulita.

Io dicevo: Oh Signore quanto è bello stare qui,tutte le suore eravamo contente,felici. Peccato che quasi non ci capivamo però ci trasmettevamo amore e gioia ed una grande tranquillità.

Mi è piaciuto quando siamo andate a giocare a pallavolo come ci siamo divertite e dopo questo a casa e dopo in cappella a pregare per ringraziare il Signore di questo bel giorno.

Mi è piaciuto tanto quando facevamo la ricreazione ogni gruppo preparava qualcosa. Tutte insieme organizzavamo ,facevamo una grande festa.

Mi è piaciuto vedere come le nostre consorelle preparavano il fuoco per mettere la carne a cuocere nel braciere,molto ben fatto e mangiarlo caldo lì:era un momento di relax,di comunione ,di condivisione. Mangiavamo felici e dopo a ballare al suon della musica.

Dopo questo mi è piaciuto quando le nostre suore ci hanno portato a vedere gli animali:ma che bello vedere gli elefanti,le giraffe,i coccodrilli!Abbiamo anche visto le scimmiette su un albero:come erano carine!

Il giorno finale tutte eravamo tristi ,angosciate perché avevamo finito,tutte ci siamo salutate abbracciandoci con le lacrime agli occhi;eravamo contente per esserci conosciute.

Ringrazio la Madre Provinciale e tutte le suore che hanno partecipato a questo Incontro Interprovinciale.

Ringrazio i sacerdoti che ci hanno seguito.

Ringrazio tutte le suore che si sono impegnate al nostro servizio e per la loro bella accoglienza.

Grazie a tutte. GRAZIE sr Irene

Lo sguardo d’amore

Per essere capaci di Misericordia quindi dobbiamo in primo luogo porci in ascolto della Parola di Dio ciò significa recuperare il valore del silenzio per meditare la parola che viene rivolta. in questo modo è possibile contemplare la Misericordia di Dio e assumerlo come proprio stile di vita (papa Francesco)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *