SUOR AURORA: CARITÀ E UMILTÀ A SERVIZIO DI DIO

“Dai frutti buoni si riconosce l’albero sano”

Se si potesse impersonificare la carità e l’umiltà, queste prenderebbero forma in Suor Aurora. Una suora dedita alla preghiera, nell’aiutare tutti. Viveva la sua vita, la sua vocazione come un servizio per l’altro. Sempre con il sorriso sulle labbra. Suor Aurora dopo anni di apostolato in Italia, presso strutture sanitarie aiutando i più vulnerabili, si è ritrovata ad affrontare anche lei la malattia. Al contrario di chi si fa abbattere dalla sofferenza, lei si mostrava sempre forte e vogliosa di continuare il suo operato: servire gli anziani e gli infermi.

Era silenziosa e molto riservata, ma sempre disposta nel sacrificarsi per donare un sorriso o un semplice aiuto. Dopo il noviziato in Italia, venne trasferita in Messico, la sua patria natia, ma con grande gioia ritornò in Italia per offrire il suo aiuto nel custodire i malati. Durante la malattia il medico gli chiese se voleva farsi curare in Messico, quindi tornare a casa, ma lei si rifiutò e rimanendo fedele al suo essere Missionaria Figlia del Calvario, volle rimanere in Italia spiegando che il suo cuore non doveva essere attaccato ad una, piuttosto che un’altra Nazione. Se il Signore aveva deciso per lei di operare nella penisola mediterranea, quella era il posto esatto dove trovare Casa. Si perché per Suor Aurora, la casa è nel Signore.

Madre Ernestina Larráinzar, nostra Fondatrice, voleva che tutte le sue figlie si affermassero per la medesima ragione: “approfondire nei cuori la virtù dell’umiltà, ricercandola per loro stesse e per le loro consorelle. Il più povero è il più disprezzabile agli occhi del mondo… ed è forse il più grande e il più gradito a Dio”.

Siamo certe che Suor Aurora, che oggi è tornata alla Casa del Padre, abbia risposto pienamente alle indicazioni dei nostri Fondatori ed è grande il nostro ringraziamento per il suo operato, per la sua vicinanza, per il suo amore totale a Dio.

Centotrentaquattro anni a servizio dei più vulnerabili. Far morire l’io per essere un noi.

Oggi celebriamo 134 anni dalla fondazione della nostra Congregazione Missionarie Figlie del Calvario. “Amar Dio sopra ogni cosa e il prossimo come noi stessi”. Virtù che si esprime nell’osservare con perfezione il precetto imposto dal medesimo Dio e nell’amarci scambievolmente come Gesù Cristo ci ha amati.

Sr. Margarita Martinez Lopez, superiora provinciale: “Essere Missionaria Figlia del Calvario oggi vuol dire identificarsi nel carisma della redenzione. Tutti noi abbiamo bisogno di redenzione. La politica la società, la vita quotidiana ci avvolge in un sistema costretto che ci opprime e non ci rende veramente liberi. L’essere umano ha bisogno di redenzione. Redimersi, con l’aiuto di Dio, per vedere il prossimo come una persona e non come un oggetto; redimere per vivere delle vere relazioni che alla fine sono quelle che contano. Relazioni basate non sul profitto ma sul vivere pienamente un rapporto di amicizia e conoscenza dell’altro. Io ti conosco e ti accolgo per quello che sei, con pregi e difetti, e non per quello che vorrei che tu fossi o per quello che potrai darmi. L’unicità del nostro carisma è basato nel vivere ai piedi della croce. Tutti ad oggi rifiutiamo il dolore. Nessuno vuole provare dolore. Il dolore è un passaggio che ti porta alla gioia, alla redenzione. Il dolore è prepararsi per accogliere la cosa più grande che è la gioia e l’amore. Il dolore, un passaggio come nella nascita: la mamma soffre nel mettere al mondo un figlio, ma poi ne gode di gioia crescendolo. Leggi tutto “Centotrentaquattro anni a servizio dei più vulnerabili. Far morire l’io per essere un noi.”

XVIII Capitolo Generale. Un volto nuovo per essere un segno di unità e presenza evangelizzatrice

Ciao ! Vorrei condividere con voi il cammino che stiamo facendo nella nostra Congregazione Missionarie Figlie del Calvario per la preparazione del  XVIII Capitolo Generale.

Il tema è sulla Ristrutturazione cioè dare un volto nuovo alla nostra Congregazione, un volto credibile in questo tempo così difficile. Il mondo ha sete di rapporti veri dove tutti si sentano amati e rispettati per questo chiede a noi consacrate di essere un segno di Unità e la nostra Congregazione si cimenta a cercare e discernere la volontà di Dio oggi, in questo momento e lì dove siamo.

Pur essendo di diverse culture e di diverse età  vogliamo riscoprire  le nostre diversità come ricchezza dove ciascuna si senta amata e valorizzata ,cioè sentirsi veramente famiglia per poter essere segno in questa società dove ogni giorno si perdono i valori,  non si pensa al bene comune e dove ciascuno diventa più solo.

Vogliamo portare la nostra gioia e dire a tutti che il mondo può migliorare se ciascuno migliora se stesso e il rapporto con l’altro.

Dal 01 al 20 maggio 2018 le Capitolari, rappresentanti delle consorelle in missione nel mondo, si riuniranno a Rocca di Papa (RM) presso la Casa Generale per vedere e discernere insieme il nuovo volto da dare alla nostra Congregazione.

Vi chiediamo di pregare insieme a noi lo Spirito Santo perché ci illumini a trovare nuovi cammini per poter essere segno della Redenzione di Cristo.

di: Sr. Margarita, Superiora Provinciale per l’Italia

25 anni della nostra Provincia!

“Cantate al Signore un canto di grazie, intonate sulla cetra inni al nostro Dio”    ( Sal 147,7)

Le Missionarie Figlie del Calvario che sono in Italia si preparano a vivere un MOMENTO DI GRANDE GIOIA all’interno della propria Famiglia religiosa.

Motivo: coralmente desiderano RINGRAZIARE il Signore, autore di ogni vocazione, per gli anni di fedeltà di alcune Sorelle.

Sono passati già 25 anni da quando le prime giovani sono arrivate in Italia per intraprendere il proprio cammino vocazionale: sr Margarita, sr Jacqueline e sr Eloisa. Ed ecco che festeggeremo le prime tre di un folto gruppo di giovani messicane, culla della nostra Congregazione Missionarie Figlie del Calvario, che negli anni si sono andate aggiungendo e fanno parte pienamente della Provincia d’Italia.

Leggi tutto “25 anni della nostra Provincia!”

Riunione dei Superiori Maggiori della Congregazione

Carissimi amici dal 05 al 13 agosto i superiori maggiori della nostra Congregazione Missionarie Figlie del Calvario si riuniranno in forma speciale per condividere il vissuto del nostro Carisma nel mondo (dove siamo presenti) in vista del prossimo Capitolo Generale.
Contiamo sulle vostre preghiere affinché lo Spirito Santo infiammi i nostri cuori per il Regno di Dio ed illumini le menti per trovare nuovi orizzonti.

Educare con carità, professionalità e spirito di servizio!

Il 6 giugno è stata una giornata di grande festa alla nostra scuola di Cerignola “Opera S. Francesco”. In questa giornata abbiamo presentato tutti i lavori svolti nell’anno dagli alunni. Tanta passione e professionalità da parte dei nostri insegnanti. La nostra scuola opera in un territorio difficile e il servizio che viene offerto è fondamentale per formare le nuove generazioni e assicurare un futuro alla collettività.

Ecco alcuni momenti. Leggi tutto “Educare con carità, professionalità e spirito di servizio!”

Visita Canonica Provinciale presso la Comunità di Labaro

“…Quello che è nato dalla carne è carne,e quello che è nato dallo Spirito è spirito “(Gv 3,1-8)

È lo Spirito del Signore che ha chiamato giovani da ogni parte del mondo a seguirlo più da vicino. Ed è sempre il Suo Spirito che anima la vita di comunità delle Missionarie Figlie del Calvario. Sono questi sentimenti che spingono i superiori a visitare, nel loro servizio, le consorelle per ringraziarle della propria missione ed incoraggiarle a continuare nella dedizione a servizio del Regno di Dio. Questo sta facendo la Superiora Provinciale delle Missionarie Figlie del Calvario in Visita Canonica a Labaro dove sono educatrici dell’ infanzia al “Ss.mo Redentore “. Leggi tutto “Visita Canonica Provinciale presso la Comunità di Labaro”

Il mio incontro con le Missionarie Figlie del Calvario

Qualche anno fa conobbi la Congregazione delle Missionarie Figlie del Calvario attraverso Madre Edith e Suor Maria Cristina.

Eravamo invitate alla Professione perpetua di altre suore. In quel momento, con il Cenacolo di preghiera per le vocazioni dei Padri Rogazionisti di Grottaferrata (RM), stavo cercando di coinvolgere le congregazioni femminili e maschili della zona, per la diffusione del carisma del “Rogate”, cioè la preghiera per le vocazioni. Chi, come me, fa parte del laicato, si impegna nel diffonderla e propagarla ovunque. Il carisma del Rogate è universale nella Chiesa, tanto più se coinvolge le congregazioni nella preghiera per le vocazioni e nella sua diffusione. Leggi tutto “Il mio incontro con le Missionarie Figlie del Calvario”